Consorzio Metropolis

  • GIORNATA MONDIALE DELLA CONSAPEVOLEZZA DELL'AUTISMO

     GIORNATA MONDIALE DELLA CONSAPEVOLEZZA DELL'AUTISMO

    GIORNATA MONDIALE DELLA CONSAPEVOLEZZA DELL'AUTISMO

    Anche quest'anno il 2 aprile si celebra la Giornata mondiale della consapevolezza dell'autismo, indetta dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 18 dicembre 2007. Obiettivo della giornata è quello di sensibilizzare la collettività attraverso l'informazione, favorendo la maturazione di una maggiore consapevolezza dell'Autismo.
    La "mission" del Consorzio Metropolis è favorire l'integrazione sociale di persone con disturbo dello spettro autistico attraverso la creazione di una rete di supporto che coinvolga istituzioni, centri terapeutici, scuole e famiglie. Tale impegno si concretizza attraverso il trattamento individualizzato specifico, in raccordo con la famiglia garantendo programmi di intervento terapeutico riabilitativo, farmacologici e non, tra cui l'insegnamento ed il potenziamento di abilità cognitive, utili per la quotidianità degli utenti.
    Emblematica è l'esperienza nel territorio Molfettese del centro IN VOLO che ad oggi accoglie numerosi minori con ASD e ove quotidianamente gli esperti del comportamento ,a seguito di osservazioni, e specifiche valutazioni effettuate con strumenti standardizzati dei piani terapeutici individuali contenenti obiettivi a breve ed a lungo termine, si impegnano a guidare gli utenti verso il raggiungimento di abilità autonomie e competenze, favorendo loro un miglioramento della qualità di vita.

    La "mission" del Consorzio non si ferma qui, ma prosegue verso il raggiungimento di una piena integrazione sociale. Oggi, più di ogni altro giorno, celebriamo e ricordiamo tale impegno.

    Il Consorzio Metropolis ha partecipato attivamente ai tavoli Regionali sulle tematiche dell'Autismo che hanno prodotto la stesura del regolamento regionale n.9 8 luglio 2016 "RETE ASSISTENZIALE TERRITORIALE SANITARIA E SOCIO SANITARIA OER I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO"

    Alla luce di questa nuova organizzazione prevista dalla Regione Puglia ed erogata dalle ASL che vedrà nascere diverse tipologie di strutture ed assistenza, rivolte a bambini in età scolare, prescolare e adolescenziale, il Consorzio Metropolis sarà parte attiva nella realizzazione degli stessi in tutto il territorio della Regione garantendo la continuità assistenziale tra i servizi per l'età evolutiva e i servizi per l'autismo adulto.
    Si evidenzia che la culla del Consorzio è il territorio di Molfetta, ove da più di vent'anni lo stesso è impegnato nell'erogazione di servizi, assistenza sanitaria, sociale e socio sanitaria pertanto questo territorio sarà a breve una delle città volte ad accogliere servizi specialistici per l'assistenza, la cura e i bisogni di soggetti con ASD.
    Grande obiettivo del Consorzio è quello di consentire L'UNIVERSALITA' della Prestazione, ossia garantire a tutti il diritto alla cura senza distinzioni di condizioni individuali o sociali e secondo modalità che assicurino l'eguaglianza dei cittadini nei confronti del servizio. Tale obiettivo sarà perseguibile in quanto i servizi succitati saranno in convenzione con le ASL poiché facenti parte di una programmazione Regionale.

    Come ben noto il Consorzio crede molto nella forza della rete, ed è doveroso annoverare la stretta collaborazione con le scuole, le famiglie degli assistiti e le rispettive associazioni di ogni territorio , nella fattispecie del territorio di Molfettese, è rilevante la stretta collaborazione con l'Associazione APERTAMENTE, con la quale sono ad oggi attivi numerosi progetti sul territorio.

    Il Consorzio, da vent'anni al fianco delle persone fragili, si fa oggi anche portavoce di tutte quelle realtà sociali che avendo maturato consapevolezza dei bisogni specifici dei soggetti con ASD esprimono la volontà di divenire parte attiva nella realizzazione della rete di assistenza locale per gli ASD al fine di promuovere e sostenere programmi di intervento e percorsi di inclusione lavorativa per ragazzi e adulti".

  • ARTETERAPIA E ALZHEIMER

    ARTETERAPIA E ALZHEIMER
  • BANDO 2018 PER LA SELEZIONE DI VOLONTARI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

    SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

    Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale il 20 agosto ha pubblicato i bandi per la selezione di 53.363 volontari per la realizzazione di progetti di S.C.N. in Italia e all'estero. Per l'attuazione delle proposte progettuali valutate dalla Regione Puglia saranno avviati 1.331 volontari.
    Il Consorzio Metropolis ospiterà n. 12 volontari presso le proprie sedi di Molfetta.

    E' possibile inoltrare una sola domanda di partecipazione per un solo progetto di Servizio Civile, pena l’esclusione

  • BANDO 2018 PER LA SELEZIONE DI VOLONTARI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

    BANDO 2018 PER LA SELEZIONE DI VOLONTARI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

    Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale il 20 agosto ha pubblicato i bandi per la selezione di 53.363 volontari per la realizzazione di progetti di S.C.N. in Italia e all'estero. Per l'attuazione delle proposte progettuali valutate dalla Regione Puglia saranno avviati 1.331 volontari.
    Il Consorzio Metropolis ospiterà n. 12 volontari presso le proprie sedi di Molfetta.

    E' possibile inoltrare una sola domanda di partecipazione per un solo progetto di Servizio Civile, pena l’esclusione

    SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE - POSTI VACANTI
    COLLOQUI PER LA SELEZIONE DEI VOLONTARI - “OFFICINE RIABILITATIVE”
    BANDO 2018 PER LA SELEZIONE DI VOLONTARI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE
  • COLTIVA LA MENTE - ORTO SOCIALE

    COLTIVA LA MENTE - ORTO SOCIALE
  • COMPAGNIA KULTUR DOM - XCT2 | SPETTACOLO SULLE DIPENDENZE

    COMPAGNIA KULTUR DOM - XCT2
  • CORSO DI FORMAZIONE COLLABORATORE DI SALA E CUCINA

    Progetto formativo rivolto agli ospiti dei progetti SPRAR MOLFETTA E SPRAR ambito TRANI BISCEGLIE

  • DIPENDI DA TE - III EDIZIONE

    DIPENDI DA TE – IL TEATRO CONTRO TUTTE LE DIPENDENZE
  • DISABILITA'

    Metropolis da sempre crede nelle opportunità per TUTTI.

    I nostri servizi per l'assistenza, la riabilitazione e l'educazione dei disabili possono essere erogati direttamente a casa o presso le nostre strutture.

    Nello specifico, gestiamo, con il supporto dei socio lavoratori delle Cooperative Consorziate:

    • Centri a ciclo diurno: sono quelle strutture che consentono assistenza durante la giornata e non prevedono il pernottamento notturno. Presso i nostri centri si organizzano attività individuali e di gruppo, volte a sviluppare competenze personali e sociali;

    CENTRO DIURNO SOCIO EDUCATIVO DON LUIGI ORIONE

    CENTRO DIURNO INTEGRATO OPERA SANTA GIUSTINA

    CETRO SOCIALE POLIVALENTE PER DIVERSAMENTE ABILI – CITTÀ DI MOLFETTA "DON TONINO BELLO"

    • Comunità residenziali: sono tutte le strutture che offrono alloggio diurno e notturno per periodi più o meno lunghi e erogano servizi educativi, riabilitativi, di cura, occupazionali e socializzanti.

    R.S.S.A. "OPERA SAN FRANCESCO"

    R.S.S.A. "SAN GIUSEPPE MOSCATI"

    COMUNITÀ SOCIO RIABILITATIVA DOPO DI NOI "THEOTOKOS"

    • Servizi domiciliari, erogati direttamente nelle dimore dei richiedenti. Per informazioni sui servizi domiciliari (tipologie, disponibilità e ogni altra notizia) è possibile contattare il numero 0803355408.

    ASSISTENZA DOMICILIARE INTERGRATA E SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE "DON TONINO BELLO"

  • DISAGIO GIOVANILE E DEVIANZA

    DISAGIO GIOVANILE E DEVIANZA
  • ERASMUS+ | APPRENDIMENTO DEGLI ADULTI - "TOOLS FOR INCLUSION"

    Erasmus+

    Aperte le selezioni per il progetto Erasmus+ dal titolo "Tools for Inclusion", riservato al personale del Comune Di Molfetta Consorzio Metropolis CPIA 1 BARI e Associazione InCo.

    I corsi a disposizione sono 3:
    1 – “ICT for educators”, previsto dal 24-2 al 28-2-2020 a Valencia (Spagna), giorni di viaggio 23 e 29 febbraio.
    2 – “English for educators, level I”, previsto dal 4-5 al 8-5-2020 a Barcelona (Spagna), giorni di viaggio 3 e 9 maggio.
    3 - “Integrating migrant & refugee at European school & society”, previsto a Limassol (Cipro) dal 18-5 al 22-5-2020, giorni di viaggio 17 e 23 maggio.

    Il programma dei corsi è consultabile qui https://shipcon.eu.com/erasmus-ka1-training-courses/

    Per candidature:
    - compilare il formulario https://forms.gle/Xkqwhr5ye7t8QhmU7
    - inviare cv in inglese a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Scadenza: 30 settembre 2019

    INFO:

    www.incoweb.org | www.facebook.it/AssociazioneInco

  • FESTA DELLA MAMMA AL PADRE KOLBE

    FESTA DELLA MAMMA AL PADRE KOLBE
  • I COLORI DELLA VITA

    I COLORI DELLA VITA

    I COLORI DELLA VITA
    Età evolutiva: dal fanciullo all'adolescente
    Famiglia e scuola: presidi primari contro la deriva sociale

    Molfetta 5 - 6 Giugno | Aula Consiliare G. Carnicella | ore 8:30 / 13:30 ♦ ore 14:30 / 19:30

    - LINK ISCRIZIONE ON-LINE -

    PROGRAMMA e INTERVENTI - MERCOLEDÌ 5 Giugno 2019

    MODERATORE: Dott. Luigi Paparella | Presidente Consorzio Metropolis

    MODERATORE: Dott. Pierluigi Barnaba | Psicologo - Psicoterapeuta [Eurospy: specified context clinical & healt]

    MODERATORE: Dott. Tommaso Minervini - Sindaco Città di Molfetta

    Saluto delle Autorità

    Dott. Giuseppe Centomani - Direttore Centro di Giustizia Minorile per la Puglia e Basilicata

    Il valore della giustizia riparativa nei percorsi di cambiamento degli adolescenti devianti

    Dott. Domenico Semisa - Direttore DSM ASL BA

    Organizzazione della rete dei servizi per minori

    Dott. Pietro Sansò - Coordinatore servizio tecnico C.G.M. Bari

    L' educatore esperto nella gestione dei minori

    Dott.ssa Lidia de Leonardis - Dirigente servizi sociali Comune di Molfetta

    Famiglia, scuola e società: ricerca e costruzione di nuove reti di comunicazione e cooperazione

    Dott. Antonio Di Gioia - Presidente Ordine degli Psicologi Puglia

    Strumenti di valutazione e linee guida

    Dott. Cesare Schiraldi - Dirigente CSM Area 1 ASL BA

    Salute mentale a rischio per i giovanissimi, esordi psicotoci nell'adolescenza

    Dott. Giuseppe Cipolla - Dirigente NPIA Bitonto ASL BA

    Percorsi e interventi riabilitativi in età evolutiva

    Dott. Tommaso Tota - Neuropsichiatra infantile U.O. NPIA Molfetta

    Intervento abilitativo cognitivo comportamentale in età evolutiva

    Prof. Francesco Bellino - Ordinario Università di Bari

    La svolta biopedagogica e la famiglia

    Dott.ssa Patrizia Marzo - Presidente Ordinario Assistenti Sociali Puglia

    La rete dei servizi a sostegno delle Famiglia

    Dott.ssa Anna Traetta - Assistente Sociale Consorzio Metropolis

    La rete dei servizi offerta dal privato sociale e contributi economici correlati

    Dott. Vito Lozito - Direttore NPIA ASL BA

    PROGRAMMA e INTERVENTI GIOVEDÌ 6 Giugno 2019

    MODERATORE: Dott. Luigi Paparella - Presidente Consorzio Metropolis

    MODERATORE: Dott. Pierluigi Barnaba Psicologo - Psicoterapeuta [Eurospy: specified context clinical & healt]

    MODERATORE:Dott. Riccardo Greco - Presidente Tribunale per i minorenni di Bari

    Esercizio della giurisdizione minorile: il punto di osservazione del Tribunale per minori

    Dott. Angelo Fanizza Magistrato - TAR PUGLIA - Bari

    Famiglia e scuola nell'ordinamento della Repubblica

    Dott. Ottavio Balducci - Assessore Socialità Comune di Molfetta

    Integrazione Socio-Sanitaria e Scolastica

    Dott.ssa Giuseppina Lotito - Dirigente Ufficio III Scolastico Regione Puglia

    Dove sta andando la Scuola

    Proff.ssa Antonietta Curci - Ordinario Università degli Studi di Bari

    La formazione degli operatori tra valutazione e intervento

    Proff. Giuseppe Pirlo - Università degli Studi di Bari

    Gli adolescenti senza tempo

    Dott. Luigi Paparella - Presidente Consorzio Metropolis

    Le risposte del privato sociale in favore dei minori in famiglia

    Dott. Luigi Pellegrino - Tecnico della riabilitazione Psichiatrica, Psicologo Consorzio Metropolis

    Intervento riabilitativo integrato nei disturbi dell'apprendimento

    Avv. Antonio Torre - Civilista specializzato in diritto minorile e famiglia Foro di Foggia

    Un Tutore si racconta

  • III EDIZIONE DEL PROGETTO - "DIPENDI DA TE"

    DIPENDI DA TE

    III EDIZIONE DEL PROGETTO

    “DIPENDI DA TE”

    giovedì 20 settembre - Sala degli Specchi - Comune di Bitonto - ore 16.30

    Verrà presentata giovedì 20 settembre, alle 16.30, nella Sala degli Specchi del Comune di Bitonto, la terza edizione di “Dipendi da te”, il progetto ideato e promosso dal Piano Sociale di Zona Ambito Territoriale Bitonto – Palo del Colle, Capofila: Comune di Bitonto, in collaborazione con Asl Bari, e organizzato da Consorzio Metropolis, con Fanfara srl.

    Il progetto ha come finalità la promozione della lotta alle dipendenze nel mondo giovanile, attraverso percorsi formativi da svolgersi negli Istituti superiori aderenti.

    Dopo gli ottimi risultati raggiunti negli scorsi anni (ricordiamo il successo dell’evento finale della scorsa edizione che vide gli studenti impegnati nella realizzazione di uno spettacolo teatrale all’interno del concerto di Dodi Battaglia, nel Teatro Traetta), Dipendi da te torna con nuove prospettive di coinvolgimento dei ragazzi.

    Alla presentazione interverranno: Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto, Luigi Paparella, presidente del Consorzio Metropolis, Carmela Elia, coordinatrice SER.D Bitonto – Palo del Colle, Packy Fanelli, amministratore di Fanfara srl, e gli studenti coinvolti in questa terza edizione.

    Anticipiamo una novità di questa edizione: gli studenti quest’anno parteciperanno attivamente alla organizzazione della seconda edizione di “BiTalk”, la rassegna culturale diffusa, promossa dal Comune di Bitonto, che avrà per tema “I Sud del mondo”. Al centro del percorso formativo di “Dipendi da te 2018” c’è infatti la l’organizzazione di un evento a carattere culturale.

    “DIPENDI DA TE – III edizione” impegnerà gli studenti di 6 istituti scolastici di Bitonto e Palo del Colle (Liceo classico Carmine Sylos, Istituto Tecnico Industriale A. Volta, Istituto professionale Gennaro De Gemmis, IPSSCST Tommaso Traetta, Istituto Tecnico Commerciale V. Giordano, Liceo Scientifico Galilei).

    Tutti i dettagli dell’iniziativa saranno resi noti durante la conferenza stampa.

  • IL CONSORZIO METROPOLIS INAUGURA ARCADIA

    INAUGURA ARCADIA

    Il 13 settembre il Consorzio Metropolis inaugura ARCADIA
    la prima struttura residenziale terapeutico per minori in Puglia

    Il Centro ARCARDIA è destinato al trattamento extraospedaliero di minori affetti dai disturbi dell’età evolutiva, con particolare attenzione all’Autismo, ai disturbi del neuro sviluppo, di personalità e condotta, della comunicazione e integrazione sociale.

    Il Consorzio Metropolis ha raggiunto questo grande traguardo anche grazie all’impegno del fondatore – Michele Paparella – pioniere dei servizi assistenziali e riabilitativi della città di Molfetta che, dal lontano 1997 ha fortemente orientato l’attenzione della Regione Puglia a regolamentare l’accoglienza residenziale e semiresidenziale di Minori affetti dalle suddette problematiche. Regolamento che verrà disciplinato solo nel 2014, integrandosi ai servizi di neuropsichiatria infantile e rispondendo alle esigenze delle famiglie dei minori.

    In onore del Dott. Michele Paparella, giovedì 13 Settembre dalle ore 16:30, ARCADIA (via Terlizzi n. 94) aprirà le sue porte. In tale occasione, sarà presentato il centro e alcune delle sue attività terapeutico-riabilitative di cui molti minori del territorio potranno beneficiare.

    In particolare, l’atelier espressivo e creativo, realizzato da esperti in Arte Terapia e Musicoterapia, a testimonianza di percorsi di cura specifici e interventi assisiti con gli animali (IAA). Questi ultimi, saranno realizzati in un’area dedicata alla “Pet Therapy” con il supporto di esperti certificati dal Ministero della Salute.

    “Senza entusiasmo non si è compiuto mai nulla di grande” e… questa Opera così grande non possiamo non condividerla con tutti voi.

    Vi aspettiamo!

  • IL TRATTAMENTO PSICHIATRICO FORENSE: MODELLI A CONFRONTO

    IL TRATTAMENTO PSICHIATRICO FORENSE: MODELLI A CONFRONTO
  • IL TRATTAMENTO PSICHIATRICO FORENSE: MODELLI A CONFRONTO

    IL TRATTAMENTO PSICHIATRICO FORENSE: MODELLI A CONFRONTO

    - ISCRIVITI ON LINE -

    IL TRATTAMENTO PSICHIATRICO FORENSE: MODELLI A CONFRONTO - Strumenti di risk-assessment e di valutazione dell’efficacia.

    Nel corso degli ultimi anni in Italia il trattamento di pazienti psichiatrici autori di reato ha subito profonde modifiche a seguito di una serie successiva di interventi giurisprudenziali e legislativi che hanno radicalmente modificato il panorama trattamentale psichiatrico-forense. Il processo di superamento e chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari (OPG) , che ha trovato i suoi presupposti nel D.P.C.M. del 1° aprile 2008, con il trasferimento delle competenze sanitarie relative ai detenuti dal Ministero di Giustizia al Ministero della Salute, nell’arco di meno di 10 anni ha condotto ad un approccio fortemente improntato alla territorializzazione del trattamento di pazienti psichiatrico forensi. Tale modifica ha comportato, tra l’altro, l’istituzione delle Residenze per l’applicazione della Misura di Sicurezza (REMS) ed il trasferimento alle strutture psichiatriche territoriali di tutti quei pazienti con un profilo di pericolosità sociale in senso psichiatrico tale da non necessitare di una misura di sicurezza di tipo detentivo.
    Il legislatore ha previsto specifici requisiti strutturali per le REMS, in particolare:

    1. l’esclusiva gestione sanitaria all’interno delle strutture;
    2. l’attività perimetrale di sicurezza e di vigilanza esterna, ove necessario, in relazione alle condizioni dei soggetti interessati, da svolgere nel limite delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente;
    3. destinazione delle strutture ai soggetti provenienti, di norma, dal territorio regionale di ubicazione delle medesime.

    La legge 81 del 30 maggio 2014, ha sancito il definitivo passaggio a differenti modelli trattamentali del reo socialmente pericoloso. Tutte le Regione italiane si sono dunque attivate per individuare o realizzare strutture nelle quali accogliere le persone ritenute socialmente pericolose dal punto di vista psichiatrico. Allo stesso tempo è divenuto compito regionale programmare il reinserimento sociale di prosciolti e semi infermi di mente provenienti da OPG e CCC in chiusura, la cui assistenza sociosanitaria è stata affidata ai Dipartimenti di Salute Mentale. Così è avvenuto anche per la Regione Puglia, dove un’apposita commissione ha programmato la dimissione degli internati negli OPG originari della regione, prevedendo, oltre alle REMS già attivate 10 c.d. Comunità Dedicate per gli autori di reato con profili di sociale pericolosità attenuata. Ed è proprio in questo passaggio che si colloca la risposta fornita dal Consorzio Metropolis che gestisce numerose Comunità Dedicate per gli Autori di reato.

    Il Consorzio, inoltre, promuovendo la mission di fornirne delle risposte trattamentali specifiche ed evidence based e considerata la mancanza di dati empirici a riguardo, ha instaurato un rapporto di collaborazione con la Sezione di Criminologia e Psichiatria Forense dell’Università degli Studi di Bari che, a sua volta, si è fatta promotrice di una ricerca sul rischio di recidiva violenta negli autori di reato malati di mente a cui è stata applicata una misura di sicurezza psichiatrica nel territorio della Puglia e della Basilicata. A tal fine la suddetta sezione ha attivato una serie di rapporti di cooperazione, alcuni già formalizzati, altri in corso di definitiva approvazione da parte degli organi preposti, con le ASL in cui insistono REMS delle Regioni interessate, nonché con enti gestori di comunità dedicate che ospitano autori di reato malati di mente con misure di sicurezza psichiatriche. Fra queste ultime, appunto, il Consorzio Metropolis, delle cui comunità dedicate il Prof. Dr. Carabellese Felice Francesco, nell’ambito della succitata collaborazione, ha assunto il ruolo di Direttore Scientifico.

    La ricerca è tuttora in corso ma sono già numerosi i dati su cui riflettere e su cui improntare nuovi e sempre più adeguati progetti trattamentali specifici per i malati di mente autori di reato, finalizzati anche alla valutazione dell’efficacia del nostro modello comunitario. Che è fra i compiti che si prefigge il Consorzio Metropolis collaborando con i suddetti centri di ricerca universitari.

    Nell’ambito di questa progettualità si inserisce a pieno titolo il Workshop col prof. Henry Gerard Kennedy, professore di Psichiatria Forense al Trinity College University di Dublino e Direttore del Servizio Nazionale di Psichiatria Forense dell’Irlanda, una realtà trattamentale diversa da quella italiana, ricca tuttavia di una grande esperienza di cui è viceversa carente il nostro Paese. E da cui, evidentemente, il nostro modello potrebbe mutuare soprattutto gli aspetti legati agli strumenti di risk-assessment e di valutazione dell’efficacia del trattamento. Il Prof. Kennedy infatti focalizzerà i suoi interventi proprio su questi aspetti del trattamento psichiatrico-forense del malato di mente autore di reato a rischio di recidiva violenta e/o criminale.

    E’ solo dal confronto, infatti, dalla reciproca mutualità che possono crearsi opportunità di conoscenza e di crescita professionale, culturale e scientifica. Ed è la strada che la Sezione di Criminologia e Psichiatria Forense dell’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, in collaborazione ed in sinergia con le risorse e le competenze del Servizio Sanitario Nazionale, attraverso le sue organizzazioni e specificità regionali e le risorse tutte del territorio regionale, persegue da anni come propria mission scientifica e didattica specifica e prioritaria e che propone a tutti coloro i quali vorranno partecipare al presente workshop.

    L’evento racchiude non solo eminenti rappresentanti della psichiatria forense europei ma anche i rappresentanti più autorevoli della psichiatria territoriale regionale di Puglia e Basilicata nonché altri protagonisti istituzionali impegnati nel trattamento del malato di mente autore di reato.



    Programma
    ***********************

    19 Settembre - Aula del Consiglio Città Metropolitana di BARI

    Ore 9:30
    Prof. Catanesi Roberto | Coordinatore Sezione Criminologia e Psichiatria Forense - Università degli Studi Aldo Moro di Bari
    Prof. Introna Francesco | Direttore U.O.C. Medicina Legale Policlinico Bari - Università degli Studi Aldo Moro di Bari

    Ore 10:30
    Il modello psichiatrico - forense italiano

    Modera:
    Prof. Carabellese Felice Francesco | Università degli Studi Aldo Moro di Bari

    Interverranno:
    Dott. Barrasso Giuseppe - Direttore DSM ASL BAT
    Dott. Bellomo Antonello - Direttore DSM ASL FG
    Dott. De Giorgi Serafino - Direttore DSM ASL LE
    Dott. Di Gioia Antonio - Presidente Ordine Psicologi di Puglia
    Dott. Guarino Domenico - Direttore DSM ASL BASILICATA
    Dott. Martone Giuseppe - Direttore DAP PUGLIA
    Dott.ssa Nacci Maria - Direttore DSM ASL TA
    Dott. Paparella Luigi - Presidente Consorzio Metropolis
    Dott. Rossi Pietro - Garante Detenuti Regione Puglia
    Dott. Semisa Domenico - Direttore DSM ASL BA
    Dott. Spadaro Francesco - Pres. Soc. Italiana Psicot. Forense
    Dott. Suma Domenico - Direttore DSM ASL BR
    Dott.ssa Zeroli Stefania - Presidente Network Maul

    19 Settembre 2019 - Università degli Studi di Bari | Aula Padiglione di Medicina Legale - BARI

    Ore 14:30 - 18:30
    Prof. Harry Kennedy | Models of care in Forensic Mental Health Services
    Discussant: Prof. Carabellese Felice Francesco

    20 Settembre - Università degli Studi di Bari | Aula Padiglione di Medicina Legale - BARI

    Ore 9:00 - 13:00
    Prof. Harry Kennedy | Risk Assessment and Forensic Tools
    Discussant: Prof. Carabellese Felice Francesco

    Ore 14:30 - 18:30
    Prof. Harry Kennedy | Treatment and Routine Outcome Measurement in Forensic Mental Health
    Discussant: Prof. Carabellese Felice Francesco

    21 Settembre  - Aula del Consiglio | "G. Carnicella" - MOLFETTA

    Ore 9:30 - 13:30
    Saluti
    Dott. Minervini Tommaso | Sindaco Città di Molfetta
    Le Comunità Dedicata nelterritorio della Regione Puglia

    Interverranno:
    Prof. Carabellese Felice Francesco | Università degli Studi Aldo Moro di Bari
    Dott. Paparella Luigi | Presidente Consorzio Metropolis
    Prof. Harry Kennedy

    Evento accreditato ECM e in fase di accreditamento dall'ordine degli Assistenti Sociali
    Per info su iscrizioni e costi:
    3495450334 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • IL TRATTAMENTO PSICHIATRICO FORENSE: MODELLI A CONFRONTO

    TRATTAMENTO PSICHIATRICO FORENSE: MODELLI A CONFRONTO

    IL TRATTAMENTO PSICHIATRICO FORENSE: MODELLI A CONFRONTO - Strumenti di risk-assessment e di valutazione dell’efficacia.

    Nel corso degli ultimi anni in Italia il trattamento di pazienti psichiatrici autori di reato ha subito profonde modifiche a seguito di una serie successiva di interventi giurisprudenziali e legislativi che hanno radicalmente modificato il panorama trattamentale psichiatrico-forense. Il processo di superamento e chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari (OPG) , che ha trovato i suoi presupposti nel D.P.C.M. del 1° aprile 2008, con il trasferimento delle competenze sanitarie relative ai detenuti dal Ministero di Giustizia al Ministero della Salute, nell’arco di meno di 10 anni ha condotto ad un approccio fortemente improntato alla territorializzazione del trattamento di pazienti psichiatrico forensi. Tale modifica ha comportato, tra l’altro, l’istituzione delle Residenze per l’applicazione della Misura di Sicurezza (REMS) ed il trasferimento alle strutture psichiatriche territoriali di tutti quei pazienti con un profilo di pericolosità sociale in senso psichiatrico tale da non necessitare di una misura di sicurezza di tipo detentivo.
    Il legislatore ha previsto specifici requisiti strutturali per le REMS, in particolare:

    1. l’esclusiva gestione sanitaria all’interno delle strutture;
    2. l’attività perimetrale di sicurezza e di vigilanza esterna, ove necessario, in relazione alle condizioni dei soggetti interessati, da svolgere nel limite delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente;
    3. destinazione delle strutture ai soggetti provenienti, di norma, dal territorio regionale di ubicazione delle medesime.

    La legge 81 del 30 maggio 2014, ha sancito il definitivo passaggio a differenti modelli trattamentali del reo socialmente pericoloso. Tutte le Regione italiane si sono dunque attivate per individuare o realizzare strutture nelle quali accogliere le persone ritenute socialmente pericolose dal punto di vista psichiatrico. Allo stesso tempo è divenuto compito regionale programmare il reinserimento sociale di prosciolti e semi infermi di mente provenienti da OPG e CCC in chiusura, la cui assistenza sociosanitaria è stata affidata ai Dipartimenti di Salute Mentale. Così è avvenuto anche per la Regione Puglia, dove un’apposita commissione ha programmato la dimissione degli internati negli OPG originari della regione, prevedendo, oltre alle REMS già attivate 10 c.d. Comunità Dedicate per gli autori di reato con profili di sociale pericolosità attenuata. Ed è proprio in questo passaggio che si colloca la risposta fornita dal Consorzio Metropolis che gestisce numerose Comunità Dedicate per gli Autori di reato.

    Il Consorzio, inoltre, promuovendo la mission di fornirne delle risposte trattamentali specifiche ed evidence based e considerata la mancanza di dati empirici a riguardo, ha instaurato un rapporto di collaborazione con la Sezione di Criminologia e Psichiatria Forense dell’Università degli Studi di Bari che, a sua volta, si è fatta promotrice di una ricerca sul rischio di recidiva violenta negli autori di reato malati di mente a cui è stata applicata una misura di sicurezza psichiatrica nel territorio della Puglia e della Basilicata. A tal fine la suddetta sezione ha attivato una serie di rapporti di cooperazione, alcuni già formalizzati, altri in corso di definitiva approvazione da parte degli organi preposti, con le ASL in cui insistono REMS delle Regioni interessate, nonché con enti gestori di comunità dedicate che ospitano autori di reato malati di mente con misure di sicurezza psichiatriche. Fra queste ultime, appunto, il Consorzio Metropolis, delle cui comunità dedicate il Prof. Dr. Carabellese Felice Francesco, nell’ambito della succitata collaborazione, ha assunto il ruolo di Direttore Scientifico.

    La ricerca è tuttora in corso ma sono già numerosi i dati su cui riflettere e su cui improntare nuovi e sempre più adeguati progetti trattamentali specifici per i malati di mente autori di reato, finalizzati anche alla valutazione dell’efficacia del nostro modello comunitario. Che è fra i compiti che si prefigge il Consorzio Metropolis collaborando con i suddetti centri di ricerca universitari.

    Nell’ambito di questa progettualità si inserisce a pieno titolo il Workshop col prof. Henry Gerard Kennedy, professore di Psichiatria Forense al Trinity College University di Dublino e Direttore del Servizio Nazionale di Psichiatria Forense dell’Irlanda, una realtà trattamentale diversa da quella italiana, ricca tuttavia di una grande esperienza di cui è viceversa carente il nostro Paese. E da cui, evidentemente, il nostro modello potrebbe mutuare soprattutto gli aspetti legati agli strumenti di risk-assessment e di valutazione dell’efficacia del trattamento. Il Prof. Kennedy infatti focalizzerà i suoi interventi proprio su questi aspetti del trattamento psichiatrico-forense del malato di mente autore di reato a rischio di recidiva violenta e/o criminale.

    E’ solo dal confronto, infatti, dalla reciproca mutualità che possono crearsi opportunità di conoscenza e di crescita professionale, culturale e scientifica. Ed è la strada che la Sezione di Criminologia e Psichiatria Forense dell’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, in collaborazione ed in sinergia con le risorse e le competenze del Servizio Sanitario Nazionale, attraverso le sue organizzazioni e specificità regionali e le risorse tutte del territorio regionale, persegue da anni come propria mission scientifica e didattica specifica e prioritaria e che propone a tutti coloro i quali vorranno partecipare al presente workshop.

    L’evento racchiude non solo eminenti rappresentanti della psichiatria forense europei ma anche i rappresentanti più autorevoli della psichiatria territoriale regionale di Puglia e Basilicata nonché altri protagonisti istituzionali impegnati nel trattamento del malato di mente autore di reato.



    Programma
    ***********************

    19 Settembre - Aula del Consiglio Città Metropolitana di BARI

    Ore 9:30
    Prof. Catanesi Roberto | Coordinatore Sezione Criminologia e Psichiatria Forense - Università degli Studi Aldo Moro di Bari
    Prof. Introna Francesco | Direttore U.O.C. Medicina Legale Policlinico Bari - Università degli Studi Aldo Moro di Bari

    Ore 10:30
    Il modello psichiatrico - forense italiano

    Modera:
    Prof. Carabellese Felice Francesco | Università degli Studi Aldo Moro di Bari

    Interverranno:
    Dott. Barrasso Giuseppe - Direttore DSM ASL BAT
    Dott. Bellomo Antonello - Direttore DSM ASL FG
    Dott. De Giorgi Serafino - Direttore DSM ASL LE
    Dott. Di Gioia Antonio - Presidente Ordine Psicologi di Puglia
    Dott. Guarino Domenico - Direttore DSM ASL BASILICATA
    Dott. Martone Giuseppe - Direttore DAP PUGLIA
    Dott.ssa Nacci Maria - Direttore DSM ASL TA
    Dott. Paparella Luigi - Presidente Consorzio Metropolis
    Dott. Rossi Pietro - Garante Detenuti Regione Puglia
    Dott. Semisa Domenico - Direttore DSM ASL BA
    Dott. Spadaro Francesco - Pres. Soc. Italiana Psicot. Forense
    Dott. Suma Domenico - Direttore DSM ASL BR
    Dott.ssa Zeroli Stefania - Presidente Network Maul

    19 Settembre 2019 - Università degli Studi di Bari | Aula Padiglione di Medicina Legale - BARI

    Ore 14:30 - 18:30
    Prof. Harry Kennedy | Models of care in Forensic Mental Health Services
    Discussant: Prof. Carabellese Felice Francesco

    20 Settembre - Università degli Studi di Bari | Aula Padiglione di Medicina Legale - BARI

    Ore 9:00 - 13:00
    Prof. Harry Kennedy | Risk Assessment and Forensic Tools
    Discussant: Prof. Carabellese Felice Francesco

    Ore 14:30 - 18:30
    Prof. Harry Kennedy | Treatment and Routine Outcome Measurement in Forensic Mental Health
    Discussant: Prof. Carabellese Felice Francesco

    21 Settembre  - Aula del Consiglio | "G. Carnicella" - MOLFETTA

    Ore 9:30 - 13:30
    Saluti
    Dott. Minervini Tommaso | Sindaco Città di Molfetta
    Le Comunità Dedicata nelterritorio della Regione Puglia

    Interverranno:
    Prof. Carabellese Felice Francesco | Università degli Studi Aldo Moro di Bari
    Dott. Paparella Luigi | Presidente Consorzio Metropolis
    Prof. Harry Kennedy

    Evento accreditato ECM e in fase di accreditamento dall'ordine degli Assistenti Sociali
    Per info su iscrizioni e costi:
    3495450334 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • IL TRENO DEL SORRISO

    IL TRENO DEL SORRISO
  • INAUGURAZIONE CSRTM "IN VOLO"

    INAUGURAZIONE "IN VOLO"